Nell’ultimo articolo avevo raccontato del “meraviglioso” KIT con cui ho iniziato a navigare nel mondo del videomaking (clicca qui per leggere l’articolo) e ora vorrei parlarvi di uno dei primi acquisti che ha dato un vero valore aggiunto al mio lavoro: il corpo macchina Canon 7D Mark II.

Prima di tutto vi allego una breve scheda tecnica del modello:

SENSORE

Formato APS-C, 22.3 x 15 mm (rapporto tra i lati 3:2, fattore di moltiplicazione 1.6x rispetto al sensore FF)
Risoluzione 20.2 megapixel
Sensibilità ISO 100 – 51200
Formati file JPEG, RAW, mRAW, sRAW

ESPOSIZIONE

Tempi di scatto 30″ – 1/8000
Compensazione +/- 5 stop in passi di 1/3
Modalità esposizione M, S, A, P, Scena
Tipi di esposimetro Multi-Area, Semi-Spot, Spot

FUNZIONALITÁ

Mount Canon EF, Canon EF-S (clicca qui per visualizzare tutti gli obiettivi compatibili)
Stabilizzazione No
Autofocus (n. aree AF) 65
Raffica (con autofocus) 10 FPS x 31 RAW, 130 JPEG
Raffica (senza autofocus) 10 FPS x 31 RAW, 130 JPEG
Live View Si
MLU/SS Si, Sollevamento specchio e Scatto silenzioso
Anti-polvere Si
Modalità video 1920x1080p @ 60 FPS
WiFi No
GPS Si
USB micro-USB (USB 3.0)

COSTRUZIONE E NOTE

Touchscreen No
LCD 3.0″, 720 x 480 pixels, fisso
Mirino Ottico, copertura 100%, 1.00x
Flash incorporato Si, portata 13 metri
Memoria SD, SDHC, SDXC (UHS-I)
Memoria, Slot 2 CF
Otturatore Meccanico
Batteria Li-Ion (Canon LP-E6N, capacità 13.42 Wh | acquista)
Tropicalizzazione Si
Peso 910 g
Dimensioni 149 x 112 x 78 mm

Uno dei primi lavori fatti con Canon 7D Mark II

In che anno ho comprato la Canon 7D Mark II?

Questo corpo macchina ho avuto la fortuna di poterlo acquistare ad Ottobre 2016 nel momento in cui la Canon 5D Mark III veniva “sostituita” dalla nuova Canon 5D Mark IV.

Perché ho scelto la Canon 7D Mark II?

La povera Canon 550D doveva essere sostituita e nel periodo in cui decisi di fare questo investimento il mercato di casa Canon (mai avrei scelto altro marchio) proponeva tre possibilità:

  • Canon 5D Mark III
  • Canon 5D Mark IV
  • Canon 7D Mark II

La mia scelta fu dettata dall’incrocio di due motivi: il prezzo (1400€) e le caratteristiche video: la presenza dei 50fps nel formato 1080 e il sistema di autofocus top di gamma.
Tutto questo quindi mi spinse ad acquistare la Canon 7D Mark II.

Questo copro macchina mi ha introdotto in modo molto prepotente nel mondo PRO di casa Canon senza però presentare il formato full frame e senza avere a disposizione un grande range di ISO.

La prima cosa che ho adorato fu la scocca robusta e l’impugnatura molto comoda senza però esagerare con dimensioni e peso seguita poi dalla qualità e la pasta video (considerando il costo).

Sapevo benissimo che NON sarebbe stato il corpo macchina definitivo, ma mi permise di fare molti passi avanti in quanto stimolo maggiore in fase di progettazione e produzione.

A Vicenza sul set di un video di Acoustic Spirit (Valter Tessaris) con Canon 7D Mark II

 

È giusto fare uno step intermedio come la Canon 7D Mark II?

Ad ogni persona che vorrebbe intraprendere la strada del videomaking consiglierei di partire da una strumentazione base (nel mio caso la Canon 550D) per poi passare ad una fase di mezzo (Canon 7D Mark II) per poter sviluppare il nostro “know how” in modo graduale.

Eccovi alcuni esempi:

Avere a disposizione i 50fps fu uno step molto interessante per conoscere in modo più dettagliato il mondo dello slow motion, del quando montare video a 50fps o quando invece preferire i 25fps.

L’uso dell’autofocus mi introdusse ad un genere di ripresa, soprattutto con Ronin M e GlideCam, che non avevo mai sperimentato prima a causa di una difficoltà di mantenere un fuoco corretto sul soggetto.

Grazie alla 7D Mark II conobbi il supporto Compact Flash oltre allo standard SD e anche qui mi si aprì un mondo su velocità di scrittura, lettura, capacità, modelli ecc ecc

Detto questo…non sempre un upgrade tecnico serve solo a migliorare la qualità del prodotto finale (il video), ma ci permette anche di conoscere in modo mirato e graduale tutto quello che il mondo del videomaking ha in serbo per noi…

Attrezzatura Diario

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *